07_home_slideshow..jpg08_home_slideshow.jpg09_home_slideshow.jpg10_home_slideshow.jpg11_home_slideshow.jpg13_home_slideshow.jpg
Vota questo articolo
(0 Voti)
Grazie al Bar Platani che ci ha nuovamente ospitati, mancavamo da quasi due anni in questa fantastica location  e in particolare a tutti i nostri fans che ci hanno seguito fino a Gaeta, MAGICI !! Fantastica serata ricca di emozioni ...... Un grazie dai Cosmic Crash , continuate a seguirci iscrivendovi alla Mailing List presente in home page. Sarete informati via mail su tutti gli eventi futuri.


Full band
Mercoledì, 30 Marzo 2016 11:54

The Piper At The Gates of Down e l'Ufo Club

Scritto da
UFO CLUB ... magico luogo da dove tutto ebbe inizio. Locale fondato da Joe Boyd e John Hopkins fu il terreno dove il vero Underground londinese ebbe le sue origini. I Pink Floyd suonarono il 23 dicembre 1966 all'inaugurazione di questo tanto discusso club, che si collocava all'interno di una Londra sonnacchiosa e distratta e continuarono ad esibirsi in modo continuo ogni fine  settimana, fino alla chiusura definitiva del Club il 28 luglio 1967 per sfratto con la motivazione di "scenari torbibi all'interno". In questo club dove  i live iniziavano dalle 23:00 fino all'alba, alternando gruppi con  diverse influenze, dal blues al folk passando per il jazz,  la nuova musica prendeva forma , per la prima volta intere suite musicali accopagnate da embrionali proiezioni ed effetti di luce psichedelica lasciavano estasiate le centinaia di persone che ogni sera affluivano all'interno del club. Il 27 gennaio 1967 i Pink Floyd  si esibirono con Interstellar Overdrive e Matilda Mother e vennero immortalati con video riprese  dalla TV inglese.

.                                                                        
durante le esibizioni live dei PF all'interno dell'UFO Club venivano proiettate sul muro diapositive "liquide" , modificate con vernici acriliche colorate e gocce di olio, dall'addetto alle luci del Club Mark Boyle, il quale  si cimentava in esperimenti visuali  realizzando immagini astratte dai colori pastello vivaci , mentre tra il pubblico c'era chi ballava oscillando testa e braccia , chi rimaneva ipnotizzato da questa fusione di colori e musica e chi  si sdraiava a terra in condizioni alterate. Il locale era frequentato da gente di ogni tipo dai figli dei fiori  piu psichedelici al  Londinese tradizionalista che la sera voleva  uscire dagli schemi quotidiani, Questo era un "posto" dove tutto era permesso, si chiudeva sempre un occhio. Purtroppo l'UFO club dovette chiudere i battenti il 28 Luglio del 1967 , ma ormai la magia si era avverata.  I quattro Ragzzi di Cambridge Syd Barrett, Roger Waters, Rick Wright e Nick Mason  vennero ingaggiati dalla EMI / Columbia per iniziare il percorso come musicisti professionisti. Nel gennaio 1967 Primo singolo Arnold Layne. 21 febbraio 1967, nello studio 3 degli Abbey Road Studios mentre i Beatles stavano registrando Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band e i Pretty Things S.F. Sorrow, iniziano le regitrazioni  di The Piper at the Gates of Dawn,  che  sarà il  primo album  della Band  ma anche   l'ultimo  realizzato  sotto  la direzione di 
images 7Syd Barrett, la set list dell'album era : Astronomy Domine, Lucifer Sam,  Matilda Mother, Flaming, Pow R. Toc H, Take Up Thy Stethoscope and Walck, Interstellar Overdrive, The Gnome, Chapter 24, Scarecrow, Bike. Intanto sotto l'aspetto commerciale  un 45 giri , See Emily Play nel Settembre 1967, approdò nei negozi di dischi italiani , passando del tutto inosservato alla beat generation italiana, ma che apri grazie alla spinta della casa discografica la serie di concerti che i misteriosi musicisti inglese fecero in Italia a partire dall'aprile del 1968.

Dave Cosmic
Pagina 1 di 2